3 giorni al cambio di Google News in Francia. Siete pronti?

Tra pochissime ora entrerà in vigore la nuova legge Francese sul diritto di autore e come abbiamo già discusso qui Google, per contrastare la richiesta di pagamento da parte degli editori, introdurrà degli snippet “ridotti all’osso” sia in News che in Search.

Lo scenario non è molto roseo per gli editori che, convinti o meno della bontà dell’iniziativa, vedranno il loro traffico scendere se le cose non cambiano. 

A differenza però di quanto successo in passato in Spagna il legislatore ha lasciato la possibilità di fare opt-out e per l’occasione Google ha rivisto la propria politica sulla gestione degli snippet a livello globale rendendo più facile per tutti dichiarare al motore quali sono le informazioni che volgiamo nascondere o limitare nelle anteprime.

Le possibilità di limitare la pubblicazione delle proprie informazioni sono abbastanza granulari e prevedono la possibilità di 

all Dichiara che non ci sono limiti alla pubblicazione. Situazione di default
noindexRichiede di non mostrare la pagina nei risultati 
nofollowRichiede di non seguire i link sulla pagina
none =noindex + nofollow.
noarchiveRichiede di non mostrare una copia cache nei risultati di ricerca.
nosnippetRichiede che non venga reso disponibile lo snippet 
notranslateRichiede di non proporre la traduzione della pagina 
noimageindexRichiede di non indicizzare le immagini della pagina
unavailable_after: [RFC-850 date/time]Imposta una data di scadenza alla pagina
 data-nosnippetPermette di taggare una porzione di pagina (span, div, section, p, etc) per indicare a Google che quella specifica porzione non è elegibile ad essere inserita nello snippet 

Ma come fare per restare visibili?

Se non si possiede una testata giornalistica (europea) il problema non sussiste. Lasciate la situazione inalterata e non succederà nulla di strano: Google continuerà a mostrare i vostri contenuti come prima. 

Nel caso delle testate taggate come “editori europei” le cose si complicano. O si rinuncia al “titolo” e si dichiara di essere totalmente estranei ai casi di legge descritti dalle nuove direttive europee o la situazione di partenza, di default, per tutti non sarà più avere le pagine in all ma in nosnippet 

In questo secondo scenario non esiste un comando unico per annullare gli effetti del nuovo filtro ma dovremmo usare i controlli granulari per dare delle indicazioni specifiche sul tipo di contenuto che intendiamo mostrare (gratuitamente). Le opzioni sono tre

max-snippet:[number]

con cui possiamo indicare il numero massimo di caratteri che vogliamo il motore mostri e per il quale possiamo usare il parametro fisso 

  • -1= se non vogliamo fissare noi un limite
max-video-preview:[number]

con il quale possiamo indicare il numero massimo di secondi che vogliamo abbia la nostra preview video o usare i parametri fissi 

  • 0=nessun video ma la possibilità di usare una preview con immagine statica
  • -1= nessun limite (potenzialmente video intero)
max-snippet:[number]

che permette di inserire il formato 

  • none= nessuna dimensione predefinita
  • standard
  • large

Dove inserire i tag?

I nuovi (o vecchi) tag possono essere inseriti, come dagli esempi fatti dalla stessa Google, sia come intestazioni HTTP come in questo caso

HTTP/1.1 200 OK
Date: Tue, 25 May 2010 21:42:43 GMT
(…)
X-Robots-Tag: noarchive
X-Robots-Tag: unavailable_after: 25 Jun 2010 15:00:00 PST

(…)

che come “meta tag robots” come in questo secondo scenario

<meta name="robots" content="nofollow">
<meta name="googlebot" content="noindex">

I nuovi tag sono direttive vincolanti

I nuovi tag non verranno presi da Google come suggerimenti (hints) ma come direttive e quindi saranno, teoricamente, vincolanti 

Come si possono testare?

In realtà non è stato messo a disposizione un test o un ambiente di verifica e quindi verrà lasciato alla buona pratica degli webmaster il compito di effettuare una comunicazione formalmente corretta. 

Non ci resta di aspettare il 24 ottobre per capire quanti degli editori francesi coinvolti saranno davvero disposti ad uscire fuori dalla partita di Google.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Il 2019 health dei grandi tech